Domande frequenti

GetYourBill è un servizio di emissione e ricezione delle fatture elettroniche. Il servizio consente di riconoscere in modo facile, veloce e corretto un cliente che richiede una fattura.

Se non trovi la risposta che ti serve tra le domande frequenti, compila il form: un consulente GetYourBill ti contatterà al più presto.





Icona profilo personale

Tocca due volte la domanda per leggere la risposta

Profilo personale

Per iscriversi al servizio GetYourBill è sufficiente registrarsi come acquirente al sito www.getyourbill.com. Il servizio è gratuito per il profilo acquirente.
La username di accesso al servizio è sempre l’indirizzo e-mail con il quale ci si è registrati, la password viene scelta in fase di registrazione e deve contenere almeno 8 caratteri di cui almeno una maiuscola, almeno una minuscola almeno un numero e almeno un carattere speciale (esempio: !,£,@,#)
Il codice GetYourBill è un codice esclusivamente numerico di 8 caratteri che serve per identificare in modo univoco il profilo del cliente che si sta registrando. Quando il cliente richiede una fattura potrà utilizzare il proprio codice GetYourBill al posto della partita iva o del codice fiscale per farsi riconoscere dall’esercente o dall’accettatore self-service.
Un cliente registrato presso GetYourBill che utilizza il proprio codice GetYourBill per identificarsi avrà la certezza che le informazioni che verranno inserite nella fattura che ha richiesto sono esattamente quelle che lui desidera. Quindi, oltre ad avere una fattura sicuramente conforme ai propri desideri non dovrà comunicare nessun altro dato all’esercente. Invece un cliente che si farà riconoscere con la Partita IVA o il Codice Fiscale potrebbe dover richiedere alcune modifiche all’intestazione della fattura rischiando di incorrere in errore in un allungamento del tempo di emissione del documento. All’interno del proprio profilo GetYourBill un cliente potrà anche indicare il proprio numero di targa (come richiesto dalla normativa per le fatture elettroniche dei carburanti) e/o il proprio codice intermediario/destinatario/univoco per la ricezione delle fatture.
Per richiedere la cancellazione del proprio profilo utilizzare il form di contatto che si trova alla fine di questa pagina. Per effettuare una nuova registrazione scegliendo il profilo corretto, utilizzare un diverso indirizzo e-mail come username.
Un cliente può ricevere le proprie fatture secondo normativa attraverso due canali:
Presso la pec. In questo caso dovrà comunicare l’indirizzo mail dove vuole ricevere la fattura elettronica
Presso il proprio intermediario/destinatario. In questo caso dovrà innanzi tutto aver sottoscritto un servizio di ricezione delle fatture passive presso un intermediario (esempio:Infocert, SEAC, etc…). Il fornitore del servizio gli fornirà un codice alfanumerico di 7 caratteri (esempio: XL13LG4), che dovrà essere comunicato all’esercente quando viene richiesta la fattura elettronica. Il codice contiene solo lettere maiuscole e numeri.
NOTA BENE: un cliente GetYourBill può registrare nel proprio profilo la preferenza sul canale di ricezione della fattura elettronica e non avrà la necessità di ricordare la propria PER o il proprio codice intermediario/destinatario/univoco perché l’avra registrato nel proprio profilo GetYourBill.
Nel caso in cui un’azienda o un libero professionista disponga di più mezzi dovrà creare un profilo GetYourBill per ogni mezzo. Per tanto per ogni targa dovrà esserci un indirizzo mail da usare come username per creare un profilo GetYourBill diverso. Un’azienda può creare diversi profili GetYourBill tutti con la stessa partita iva, non è possibile creare due profili con lo stesso indirizzo e-mail.
La normativa, alla quale ci atteniamo, prevede che le fatture, trattandosi di B2B siano gestite in una logica di Imponibile più IVA. A riprova di ciò lo SdI accetta i nostri documenti e non li scarta. Il problema è di visualizzazione, cioè di trasformazione da XML in PDF. Le regole per l'invio della fattura prevedono l'emissione di un documento in cui siano valorizzati i campi IMPONIBILE e IMPOSTA e che siano correttamente calcolati e compilati – come già accade con GetYourBill. Il campo totale non è richiesto dalla normativa. Alcuni Software generano problemi con gli arrotondamenti e per questo non viene compilato il campo totale da questi Software. In questi casi nella fattura il campo totale non risulta compilato MA non contiene il valore zero come invece alcuni visualizzatori e/o programmi di importazione mostrano. La fattura non è a zero ed è correttamente compilata. Se la fattura fosse errata verrebbe rigettata dall'Agenzia delle Entrate.
Dal 2019 tutte le fatture sono in formato elettronico rappresentate da un file XML validato dal sistema di interscambio dell’Agenzia delle Entrate. Quei file PDF sono copie di cortesia riassuntive della transazione. Al momento il software di alcuni produttori di casse non genera correttamente la copia pdf di cortesia. In questo caso bisogna rivolgersi al proprio rivenditore. Alcuni sistemi di cassa non rilasciano tale documento. In quel caso non sarà presente
Il cliente deve accedere al suo profilo GetYourBill, dal menu selezionare la voce "Anagrafica" e, nella schermata che appare, registrare nel campo Codice Destinatario il codice alfanumerico a 7 cifre.
In questo caso consigliamo di:
• verificare che la PEC indicata sia corretta e nella scheda “anagrafica” del suo profilo GetYourBill;
• controllare che il servizio PEC funzioni correttamente (ad esempio, la casella potrebbe essere piena);
• verificare sul proprio cassetto fiscale dell'Agenzia delle Entrate l’avvenuta consegna.
Le fatture passive arrivano sulla PEC o via Intermediario in base alla sua scelta. Bisogna tenere presente, però, che possono volerci anche 5 o più giorni in quanto è l'Agenzia delle Entrate che le invia.
Se a seguito del “recupero fattura” l’utente ha ricevuto un messaggio positivo, troverà la vera fattura (formato XML corredato dall’informazione di accettazione/scarto da parte di SDI - Agenzia delle Entrate) nella sua PEC o presso il suo intermediario in base alla sua scelta. L’immagine che l’utente vede dopo il recupero fattura è una copia di cortesia non valida ai fini fiscali, utile a riassumere i dettagli dell’operazione. Se l’utente è registrato a GetYourBill, dopo il recupero fattura troverà la copia di cortesia in PDF (non valida ai fini fiscali) nel dettaglio fattura, raggiungibile dal suo pannello di gestione GetYourBill tra le fatture ricevute.

Icona self-service carburanti

Tocca due volte la domanda per leggere la risposta

Self-service carburante

No. La normativa prevede che non venga rilasciato alcun documento cartaceo nel caso di emissione della fattura elettronica. Molti esercenti hanno però optato per l’emissione di un documento proforma o di cortesia che non ha alcun valore fiscale e che può essere utilizzato solo per fini amministrativi interni o come promemoria ma non vale ai fini fiscali. Il “documento di sintesi” invece viene rilasciato dai distributori di carburante e serve per poter completare la richiesta di fatturazione elettronica sul sito www.gyb.cloud qualora durante il rifornimento sia stata richiesta la fattura elettronica indicando la propria partita iva. Qualora invece la fattura elettronica sia stata richiesta utilizzando il proprio codice GetYourBill non sarà necessaria nessuna altra operazione.
E’ sufficiente entrare nella propria area, sul lato destro selezionare fatture e poi recupera. Sarà sufficiente inserire la data di emissione del documento e i codice numerico separato da tre punti che viene normalmente stampato in fondo al documento “proforma” o “documento di cortesia”. scopri di più sulla funzione recupera fattura
Iper, Iperal, Il Gigante, Enercoop e pompe bianche. Al più presto riattiveremo lo Store Locator con la mappatura di tutti i convenzionati!
Trattasi di scontrino emesso senza aver richiesto la fattura, in questo caso il cliente ha richiesto una semplice ricevuta. Il documento di sintesi corretto riporta in fondo allo scontrino l'invito a recuperare la fattura sul sito www.gyb.cloud. Per questa ragione non è possibile recuperare la fattura.
Se il fornitore presso cui ha effettuato rifornimento è dei seguenti: IPER, RIALTO, IPERAL, ENERCOOP, contatti l’assistenza di GetYourBill compilando il form in fondo a questa pagina.
Per tutti gli altri eserncenti, purtroppo non è possibile recuperare questa fattura: per i prossimi rifornimenti consigliamo all’utente di controllare con attenzione la schermata di riepilogo che precede l’emissione del documento di sintesi.

Icona recupera fattura

Tocca due volte la domanda per leggere la risposta

Recupero fattura

I due codici non centrano nulla e non vanno confusi.
Il codice GetYourBill è un codice esclusivamente numerico di 8 caratteri scelto da un cliente che si registra al servizio e che servirà per farsi riconoscere da un esercente che utilizza GetYourBill per emettere le fatture.
Il codice intermediario chiamato anche codice destinatario o codice univoco viene rilasciato a seguito della sottoscrizione di un servizio di ricezione delle fatture passive (cioè quelle ricevute) presso un intermediario. In alcuni casi tale codice viene rilasciato dal commercialista. Questo codice è alfanumerico di 7 caratteri e contiene solo lettere maiuscole e numeri.
La normativa prevede che la fattura elettronica sia emessa in formato xml e, in alcuni casi, che venga firmata digitalmente. Per aprire questi files si deve disporre di un programma di lettura appropriato.
In alcuni casi l’agenzia delle entrate può scartare dei documenti ad esempio nel caso in cui il codice intermediario/destinatario/univoco sia inesatto. Cliccando sul punto esclamativo verrà mostrata la ragione per cui il processo non è andato a buon fine.
Le fatture per l'estero possono essere gestite come in passato, ovvero, con il solo cartaceo.

icona errore

Tocca due volte la domanda per leggere la risposta

Errori

Non è un errore. Significa semplicemente che non riceviamo lo stato relativo a quella fattura. Bisogna attenderla e la si dovrebbe ricevere senza problemi.
L’esercente invia direttamente le fatture a SdI (cioè all'Agenzia delle Entrate) pertanto al momento sul portale GetYourBill il cliente non vedrà avanzamenti sullo stato della Sua fattura. L'unica cosa che il cliente può fare è attendere che gli venga recapitata dallo SdI dopo averla processata.
Uscire dalla propria area riservata (logout) e rientrare (login). Se non funziona potrebbe essere un problema legato al browser. In questo caso consigliamo di utilizzare Chrome.


Icona informazioni fattura elettronica

Tocca due volte la domanda per leggere la risposta

Informazioni sulla fatturazione elettronica

I due codici non centrano nulla e non vanno confusi.
Il codice GetYourBill è un codice esclusivamente numerico di 8 caratteri scelto da un cliente che si registra al servizio e che servirà per farsi riconoscere da un esercente che utilizza GetYourBill per emettere le fatture.
Il codice intermediario chiamato anche codice destinatario o codice univoco viene rilasciato a seguito della sottoscrizione di un servizio di ricezione delle fatture passive (cioè quelle ricevute) presso un intermediario. In alcuni casi tale codice viene rilasciato dal commercialista. Questo codice è alfanumerico di 7 caratteri e contiene solo lettere maiuscole e numeri.
La normativa prevede che la fattura elettronica sia emessa in formato xml e, in alcuni casi, che venga firmata digitalmente. Per aprire questi files si deve disporre di un programma di lettura appropriato.
In alcuni casi l’agenzia delle entrate può scartare dei documenti ad esempio nel caso in cui il codice intermediario/destinatario/univoco sia inesatto. Cliccando sul punto esclamativo verrà mostrata la ragione per cui il processo non è andato a buon fine.
Le fatture per l'estero possono essere gestite come in passato, ovvero, con il solo cartaceo.


Non hai trovato la risposta alla tua domanda?

Compila il form: un consulente GetYourBill ti contatterà al più presto.